Non so se ve ne siate mai accorti, ma a Bedonia manca una biblioteca pubblica, dove poter noleggiare gratuitamente volumi. C'è qualcosa in Seminario, ma personalmente non mi sono mai preso la briga di visitarla e verificare che magari è fornitissima ed efficentissima. Ma qualcosa di Comunale, pubblico, qui in paese non sarebbe male affatto per i nostri ragazzi o per gli anziani o anche solo per coloro che non vogliono acquistare libri che poi riempiono le case. Mi rendo conto che proporre di fare qualcosa in questi tempi magri, soprattutto per i bilanci pubblici è come lottare contro i mulini a vento. Ed ecco che verrebbe fuori la forza del forum, la nostra forza dal basso, della piccola idea a costo nullo. Ognuno di noi ha in casa un libro che potrebbe o vorrebbe donare. Siamo in 3000 circa a Bedonia, non sarebbe male partire con un volume per abitante, poi coinvolgendo amici vicini e lontani, si sa, il numero può solo crescere. Ci potremmo fare sentire da qualche biblioteca vicina, qualche csa editrice in vena di offrire qualcosa. Il sito dove potrebbe sorgere questa cosa potrebbe essere il centro anziani in via Piave che con una piccola saletta ed un bibliotecario over 70 assicurerebbe certamente la copertura giornaliera, l'ordine e sicuramente tanta competenza che per ora è perduta. Ho fatto un po' il padrone in casa di altri e me ne scuso, ma mi è venuto tutto così, all'improvviso.

Biblioteca: 2009
Risposta di valebd 17:55 - 09/12/09

mah se non erro o meglio se la mia memoria nn mi tradisce, in peschiera nel piano basso sulla sinistra c'era gia un sacco di libri anni fa, di quale tipo non ricordo, ma mi sembra di rammentare che fossero di una biblioteca scolastica, gia il posto in se non sarebbe male da utilizzare però ci vorrebbe una persona sempre presente....

 
Risposta di Gigi Cavalli 21:17 - 09/12/09

"Realizzazione di una biblioteca pubblica. Fino ad oggi nessuna, ma dico nessuna Amministrazione ne ha mai sposato la nobile causa".

Questo era uno dei tanti punti che elencai, tra i primari a cui porre rimedio, nella lettera aperta che inviai al futuro Sindaco e che scrissi lo scorso Maggio.

Credo che un paese civile non possa andar fiero di una simile mancanza, però l'evidenza è questa, è sempre stata questa.

Vogliamo iniziare? Giustissima l'idea di un volume per ogni abitante, anzi se l'iniziativa dovesse prendere piede i primi 50 libri li dono io. Come dissi questa primavera lo ridico adesso: "Verba volant, scripta manent".

http://www.esvaso.it/post.php?id=307 .

Risposta di micheleporcari 06:29 - 10/12/09

qualchecosa metto anche io .........pensavo perche' non abbinarla a questo benedetto ufficio turistico che purtroppo ( non per colpa dell'amministrazione ) e' troppo spesso chiuso ,si potrebbero abbattere i costi.

Risposta di lorella aviano 07:52 - 10/12/09

Anche io ho un pò di libri a casa che mi farebbe piacere condividere. E' un'idea molto bella che può partire senza fondi comunali: una biblioteca dei e per i cittadini. Forse non è appropriato farlo qui ma azzarderei una proposta (così come mi viene, chiedo scusa se sono un pò di parte :) ma mi piacerebbe veder fiorire, anche culturalmente, quella zona del Comune dove ho la casa).
Non si potrebbe utilizzare per questo scopo la scuola di Anzola? (l'intero piano superiore dovrebbe essere disponibile penso) così anche i bambini che la frequentano potrebbero giovarsene. Potrebbe diventare oltre che biblioteca anche centro di aggregazione (idea bella ma che non posso attribuirmi perchè ne ho già sentito parlare; posso portare l'esempio di come si è evoluta la biblioteca qui a Milano dove abitano i miei: con il semplice fatto che il circuito bibliotecario mette a disposizione quotidiani e riviste, le biblioteche sono diventate un punto di riferimento per molte persone, anziani o giovani, che passano lì un pò di tempo).
Poi, più avanti, quando arriverà l'ADSL (io ci spero sempre ;) potrebbe aprirsi, negli stessi locali, anche un internet point .. alla linea ci dovrebbe pensare il comune - io personalmente posso mettere a disposizione un pc con video. Si potrebbe pensare di avere anche un distaccamento dell'ufficio turistico, in modo da dare risalto alle iniziative della valle anche per chi non arriva in centro a Bedonia.
Personalmente sono disponibile a lavorarci (come contributo volontario) per la catalogazione, l'informatizzazione e quanto altro possa essere in grado di fare. Non posso dare oggi la mia disponibilità ad essere sempre presente tutta la settimana (anche perchè a titolo gratuito sarebbe impossibile: devo pur vivere di qualcosa), ma la soluzione proposta (che sia una persona in pensione - o più che si danno il cambio - ad occuparsi dell'apertura continuativa), mi sembra una buona idea.
Sempre per portare l'esempio di qui, l'apertura della biblioteca scolastica dove frequenta mio figlio è, attualmente, ad esclusivo carico dei genitori che si danno il turno (perchè l'istituto scolastico non ha fondi per garantirne il funzionamento .. ahimè - mi sembrava giusto farlo presente per capire che siamo tutti sulla stessa barca). Comunque, a parte quello che vorrei si avverasse perchè farebbe piacere a me, spero che questa iniziativa, ovunque venga attuata nel territorio di Bedonia, possa davvero avere un seguito.

 
Risposta di Gigi Cavalli 10:54 - 10/12/09

Io direi di intraprendere subito questo cammino e non lasciare intentata questa possibilità. Anzi già domani sera, alla cena del Forum, potremmo proporla direttamente al Sindaco e capire se contare e quanto sulla collaborazione del Comune.

Risposta di Nicola Cattaneo 13:21 - 10/12/09

Come sai Gigi, di questa cosa avevo già parlato in post precedenti sempre sul forum, e sono molto contento che il nostro tutore cedrone cantante abbia proposto l'argomento, per gli adulti non è forse ripetibile quello che viene fatto a scuola all'interno dell'iniziativa di cui appunto avevamo già parlato, ma l'idea di regalare un libro in occasione del compleanno di un amico a una biblioteca pubblica invece di altre cose, forse potrebbe funzionare anche con i più grandicelli. Non propongo invece nulla a riguardo di videoteca in quanto temo molto che possiate regalare i vostri vhs/dvd di Natale...

 
Risposta di Marco Bernabò 17:48 - 10/12/09
Volevo rispondere a Lorella che pensava a qualcosa ad Anzola. Non mi trova purtroppo d'accordo. La biblioteca va fatta qui, in centro. Che poi si possa fare anche altro anche in una frazione molto attiva come Anzola appunto, è un discorso che si potrebbe fare poi. Io penso che il capoluogo deve dare una immagine di "fare cose" che sicuramente potranno beneficiarne anche le frazioni. Ma avere una biblioteca ad Anzola e Bedonia nulla è un po' un controsenso. Creare un movimento di Bedoniesi verso Anzola in cerca di libri mi sembra alquanto improbabile. Mettiamo insieme le forze e facciamo qualcosa qui, anche in Peschiera come diceva Vale, poi si sa, da cosa nasce cosa. Siamo adulti, inventiamoci qualcosa. Pensate a ciò che hanno fatto i Medici nel rinascimento a Firenze e noi nel 2010 non riusciamo a mettere insieme quelche libro da fare leggere alla gente? Non lo posso nemmeno immaginare!
 
Risposta di katia 18:07 - 10/12/09
mi sembra un ottima idea! bravo Marco, ci vuole una bibblioteca pubblica il tuo mi sembra un proggetto realizzabile potresti parlarne con la Galli Veronica. Sicuramente troverai tanti donatori....ciao ciao
 
Risposta di Claudio Agazzi 20:30 - 10/12/09

Se non ricordo male, quando fu tentato d'aprire, di far funzionare la struttura presso la peschiera non fu un vero successo. Però lo spunto di Marco è davvero bello (anche quello sulle luci del cimitero fa riflettere, complimenti).

Io penso però che andrebbe capitalizzato il patrimonio presente in seminario. Questo distacco tra seminario e Bedonia andrebbe eliminato ma per farlo ci vorrebe la collaborazione di coloro che in quella sede (seminario) "regnano" :) Lo dico con il sorriso ma lo dico.

Ciao

Claudio Agazzi

 
Risposta di Marco Biasotti (fiascotti) 23:23 - 10/12/09

Marco, l'idea è ottima, complimenti, compreso il luogo, sicuramente metterebbe in condizione alcuni anziani di sentirsi attivi............ da parte mia ho un "problema".... sono visceralmente attaccato ai miei libri, che leggo, rileggo e rileggo ancora ....., li prendo solo in versione rilegata, (sarò feticista ma l'occhio vuole la sua parte) e quando li presto (a fatica), stresso il povero amico finchè non lo restituisce, fornisco il segnalibro (odio le orecchie nei fogli).

Con queste premesse capirai che non posso partecipare (metto dei soldi, lo giuro! ), ma i miei libri no.... mai!

 
Risposta di valebd 00:36 - 11/12/09

come diceva claudio appunto non fu un successo, allora i miei ricordi non erano tanto annebbiati, ma i libri e le librerie che li sostengono son sicura che sono ancora li, o almeno quando gestivamo la pro loco qualche anno fa che eravamo in peschiera ricordo di averli visti, ultimamente ci sono le persiane aperte e mi sembra di averli visti ancora li, quindi penso che gia una buona partenza ci sia, poi con il contributo di ognuno di noi si arricchisce e si aggiorna. Personalmente sono come Fiascotti, sono gelossisima di libri, cd, dvd ecc che possiedo, però una soluzione la trovo.

 
Risposta di Emanuele M 22:31 - 13/12/09

L'idea è indiscutibilmente ottima.

Se ne è parlato alla cena del forum ed è emersa la difficoltà, da parte dell'amministrazione, a gestire ulteriori spazi.

Forse si potrebbe allestire una sala-studio (o emeroteca = zona riviste nazionali e straniere) in centro, che faccia da traino ad un'importante biblioteca che già abbiamo: quella del Seminario.

Non è detto che un posto in vista (come l'ufficio turistico) sia il migliore: non so quanti si sentirebbero a proprio agio a studiare e a leggere così "in vetrina".

Si potrebbe aprire un locale in centro (via Garibaldi/Centro Sociale/Peschiera/Canonica) con tavoli di lettura, riviste, e 2 computer, con un addetto (meglio se volontario) che 1-2 volte al giorno possa fare "la spola" in seminario per portare i libri che sono stati chiesti in prestito dagli utenti della sala di lettura (questo sistema funziona già in altre realtà). Forse questo sistema potrebbe attirare lettori anche in Seminario.

In ogni caso, la biblioteca del seminario è in rete, consultabile all'indirizzo:

http://opacsol.unipr.it/SebinaOpac/Opac .

Nel menu a tendina a destra ("Biblioteche") si può selezionare "Seminario Vescovile di Bedonia" ed iniziare la ricerca dei testi (non selezionando alcuna biblioteca i testi vengono ricercati in tutta la provincia).

Lo stesso sito indica i seguenti orari di apertura della biblioteca del Seminario:

Lunedì, Martedì, Giovedì, Venerdì: 9,00-12,30
Mercoledì, Sabato:                     15,00-18,00

PS: Io sarei per la sala di lettura in Peschiera o al Centro Sociale.

Risposta di Marco Bernabò 15:53 - 15/12/09
Come al solito, Emanuele, lui, zitto zitto calmo calmo, ha trovato la quadratura del cerchio. Bravo Emanuele, non ti conoscevo ancora da prima della cena. Sei molto saggio, intelligente, abbiamo bisogno di persone così giovani è così preparate. Condivido la sala di lettura e con annessi computer ecc ecc. Sei mio amico!
Risposta di alberto chiappari 18:40 - 16/12/09

dopo aver vinto la mia resistenza a partecipare ad alcun che di pubblico in questo periodo (anche sotto forma di forum), mi trovo a scrivere questa e-mail perchè l'argomento biblioteca me lo impone (l'argomento islam non mi aveva vinto). Trovo infatti anch'io idispensabile la presenza di una biblioteca civica a Bedonia (l'hanno per esempio anche Albareto e Bardi). E' quindi utile che qualcuno si trovi intorno ad un tavolo per disuterne con l'amministrazione.
Se permettete vorrei però fare un po' di storia... Non è vero che nessuna amministrazione abbia pensato di aprire una bibilioteca. I libri in Peschiera dimostrano il contrario. infatti nell'utimo perdiodo di amministrazione Cattaneo ricordo perfettamente che si intendeva sviluppare un piccolo sistema bibliotecario bedoniese. Questo sistema doveva avere due punti di forza, uno in Seminario rendendo pubblico l'enorme patrimonio di questo istituto ed uno in Peschiera di proprietà del Comune. Mentre la prima biblioteca doveva essere quella delle lettere, della filosofia e della teologia cioè quella della cultura classica, la biblioteca della Peschiera doveva avere un taglio più moderno legato ai best seller. ai libri per i ragazzi e l'infanzia, ai temi ambientali (ve lo ricordate il parco?) ecc. Purtroppo mentre la bibiloteca del Seminario, grazie anche a fondi regionali e poi provinciali, veniva ricatalogata quasi completamente e aperta la pubblico, la seconda, per le note vicende politiche non venne mai alla luce. Rimasero però in Peschiera, in ottimi scaffali, tutto il fondo che doveva servire come base per la nuova bibiloteca. Questo fondo erà ciò che rimaneva dello csep (o qualcosa del genere) che era una piccola biblioteca scolastica aperta negli anni settanta (vi si faceva il doposcuola alle elementari). Questi libri non sono un granché ma per iniziare possono andare bene.
Devo aggiungere cha anche il sottoscritto tentò da assessore di riaprire il discorso e per ovviare ai costi pensai ai volontari AUSER (che anche adesso esistono) ma anche in questo caso non se ne fece nulla a causa di una delle mie tante dimissioni (questa è autoironia pura).
Per quanto riguarda la bibiloteca del Seminario è un patrimonio importantissimo che pochi bedoniesi conoscono. Io ho avuto la fortuna di lavorarci quando nel periodo universitario cercavo di pagarmi un po' le spese dello studio. Ha un fondo antico di enormi dimensioni posto all'interno dell'ex-capella dei seminaristi: l'effetto scenico è impressionante. Il fondo moderno è anch'esso di grandi dimensioni anche se risente dell'origine della bibiloteca e degli anni in cui non è stata curata. Contiene comunque molti libri che non sospetteremo mai fossero presenti in Seminario. In ogni caso fino a qualche anno fa risultava essere la bibiloteca più grande della provincia dopo alcune di Parma e una di Fidenza.
Come già scritto da Emanuele è regolarmente aperta al pubblico anche se immagino che come ai tempi in cui la tenevo aperta io, non sia granché frequentata. Paradossale è che mentre pochissimi Bedoniesi ne usufruiscono, dato che è inserita nel sistema provinciale, da tutta la provincia "ordinano" il prestito del libro con un sistema che consegna il libro stesso nella bibilioteca del proprio paese. Quanto alla difficoltà di frequentarla capisco il "blocco psicologico" per chi non è abituato a frequentare il Seminario ma ciò devo dire che questa volta non è colpa dei preti anche perchè avendo accettato di aderire al sistema bibliotecario provinciale ne hanno accettato le regole e quindi l'apertura sul territorio. Per conoscerla meglio propongo una visita guidata dal mitico dott. Rizzi Bianchi che tanti anni ha speso sui quei polverosi libri.
Per il futuro sono disponibile a collaborare soprattutto con due prospettive: che la nuova bibiloteca si doti di un fondo di libri (e video) anche per bambini e ragazzi (abbiamo bisogno di far crescere la cultura a Bedonia!) e che si formi un gruppo che ne regoli l'attività (posso recuperare lo statuto di una biblioteca di un paese simile a Bedonia) e che preveda varie attività culturali (presentazione di libri, letture di fiabe per bambini, discussioni a tema ecc.). Spero di no averla fatta troppo lunga. Saluti

Risposta di Gigi Cavalli 19:45 - 16/12/09

Alberto, innanzitutto ti ringrazio per questa tua piacevole eccezione a partecipare al dialogo. 

Per quanto riguarda la futura biblioteca ti sarei grato se riuscissi ad avere uno statuto e far compiere così il primo passo verso questa iniziativa.
Nei giorni scorsi ne abbiamo parlato con il Sindaco e si è reso disponibile ad un incontro tra l’Amministrazione Comunale, i proponenti l’iniziativa e il Seminario, questo per poter trovare una collaborazione e far sì che si possa realizzare questo sogno. 

Per quanto riguarda i libri della Peschiera, è vero che ci sono, ma non ti garantisco le loro condizioni attuali e il numero, in ogni caso potremmo fare insieme un sopraluogo e poi riferire.
Grazie ancora e nel caso dovessi fare un altro strappo alla regola, vai tranquillo, nessuno si lamenterà, anzi…

Risposta di Alberto Chiappari 12:16 - 19/12/09
Vada per la visita. Chiamami quando vuoi. Lo statuto lo recupero nei giorni di Natale. Ciao
 
Risposta di cristina sanvito 13:50 - 27/12/09

Abito qui (risiedo in una frazione di Bedonia nell'alta val Ceno) da quattro anni e insegno lettere nella scuola media di Albareto. Il tema della biblioteca mi interessa, quindi, particolamente. Tra l'altro, non è vero - come ha detto qualcuno - che Albareto disponga di una biblioteca aperta la pubblico: c'è semplicemente una saletta in Comune con una modesta quantità di testi non aggiornati; quindi, il problema della lettura e del prestito dei libri si pone anche ad Albareto.

Vorrei provare a modificare il punto di vista sulla questione: il territorio dei nostri comuni è vasto e la popolazione è dispersa in numerose frazioni distanti. Allora, perchè, anzichè focalizzarsi su Bedonia o su Anzola come sedi di una biblioteca, non allargare la visuale a un territorio più ampio e a esigenze comuni? A me viene in mente una "biblioteca itinerante", cioè un servizio di biblio-bus che possa girare in tutta la valle e raggiungere paesi e frazioni, portando libri aggiornati!

Sarebbe un progetto nuovo, che supera l'interesse del singolo Comune, da  condividere con altri;  un'idea solo abbozzata, ma credo ci si possa ragionare su, reperendo informazioni e verificandone la fattibilità. Ne esistono diversi esempi in Europa, e alcuni anche in Italia. Credo sarebbe una soluzione particolarmente adatta ai bisogni della nostra realtà geografica (tra l'altro, i costi della dotazione libraria si suddividerebbero tra più soggetti e anche i libri potrebbero raggiungere un numero maggiore di persone).

Mi rendo conto ora - sto usando Firefox - che non posso fare copia-incolla di indirizzi web. Allora vi segnalo il "Library Bus" della città svedese di Kiruna (in Lapponia) - è molto bello e meritatamente premiato; per trovare informazioni su esperienze analoghe in Italia dovreste digitare in Google "bibliobus" o "biblioteca itinerante bus"; io ho trovato interessante l'esperienza dell'Arci Valdarno.

Un cordiale saluto a tutti.

 
Risposta di Gigi Cavalli 21:31 - 27/12/09

Nei giorni scorsi, io ed Alberto, abbiamo fatto un sopralluogo al Centro Civico Peschiera per renderci conto dell’entità e dello stato dei libri di proprietà comunale. I libri saranno circa un migliaio e le condizioni sono buone, anzi anni fa era già stata iniziata la catalogazione cartacea ed è ancora disponibile, credo che come inizio sia più che accettabile.
Nei prossimi giorni proporremo un incontro tra noi proponenti, Amministrazione Comunale e Seminario per capire se vi siano i presupposti per dar vita ad una nuova e funzionale biblioteca.

(vedi foto ad inizio pagina)

Risposta di Giovanni Capella 08:34 - 28/12/09

Bravo GG Bella idea,penso che anche io verrei volentieri per un libro...e penso che anche mia moglie vista la sua base culturale linguistica apprezzerà.

Ciao Jo

Risposta di claudio mazzadi 12:43 - 29/12/09

ciao Giovanni, so che hai passione per lo sport: potro', spero, donare una ventina di libri sportivi all'istituenda biblioteca: Ciao Gigi, andate, andiamo avanti per la via giusta del nostro amato Paese. grazie e buon anno. Claudio

Risposta di sirena711 18:59 - 29/12/09
Se avete bisogno di volontari, sono disponibile. Non c'è niente di meglio nella vita che un buon libro!
Risposta di Barbara Zerbini 11:00 - 30/12/09

Ringrazio Alberto per la sua cronistoria fatta sulle due biblioteche presenti a Bedonia. Alle sue informazioni vorrei aggiungerne altre due relativamente a quella sita in Peschiera:

- non è vero infatti che nessuna amministrazione non se ne sia occupata, anche la nostra ha cercato di ridare dignità ad un luogo che negli anni passati era diventato tutto tranne che "contenitore di libri", ovvero deposito materiale proloco, feste varie, carnevale, Banda etc.. Durante il mio mandato avevo proposto che la biblioteca venisse valorizzata e per farlo avevo presentato un progetto che prevedeva l'attivazione di un "Centro di Documentazione della Pietra Arenaria" con la possibilità di avere un "corner" multimediale, pannelli informativi sulla Pietra di carniglia e i simposi tenutisi a Bedonia, e dall'atra parte tutto il riordino del materiale librario presente e contestualmente un rafforzamento, a mezzo di acquisti, della sezione di narrativa e/o saggistica locale e volumi attinenti scienze naturali. Pensavo che l'integrazione tra luogo di divulgazione del sapere locale, e luogo che accoglie attraverso la presenza di libri per ragazzi anche le giovani generazioni potesse dare e offrire buone possibilità di sviluppare temi trasversali e utili a coltivare l'amore per la propria terra e il propprio patrimonio naturalistico e artistico a partire proprio dai bambini e i giovani.

- il progetto non ha trovato possibilità di attuazione anche perchè sul luogo Biblioteca Peschiera gravavano altre mire come quelle della mia collega Alessandra Aroldi che ha presentato parallelamente al mio un progetto per un "centro d'incontro per le donne emigrate" e, come si suol dire, ha avuto allora la meglio. Devo percò riconoscere, nonostante allora non approvai la scelta della giunta, che ad Alessandra va il merito di avere migliorato notevolmente l'aspetto della biblioteca rendendola comunque ad oggi un luogo confortevole e accogliente dove è piacevole passare il tempo e vi assicuro che per ottenere questo risultato sono stati fatti molti sforzi.

- La seconda cosa che vorrei ricordare e nel farlo colgo l'occasione per ringraziarlo, è il lavoro lungo e meticoloso che Ponzini Pier Carlo ha fatto negli anni nel riordinare i numerosi libri che in molti avevano donato e che nel tempo si erano accatastati sui tavoli lasciati orfani di collocazione e di mani pronte ad aprirli. Quindi grazie Ponzini.

Sono convinta oggi come allora che una biblioteca per ragazzi e bambini sia oggi più di allora necessaria a questo paese e alle sue attuali e future generazioni, pertanto ben vengano progettti ambiziosi e concreti di riordino e organizzazione per una possibili fruizione del luogo.
da Chioma, Barbara Zerbini

 
Risposta di Marina 13:19 - 11/02/10

Mi inserisco in questa discussione per ricordare o comunicare a chi ancora non lo sapesse, che a SOLIGNANO da circa la anno è aperta la biblioteca comunale. Nell'attesa che a Bedonia venga migliorata la struttura presente, vi invito a passare di qui; abbiamo una sezione dedicata ai bambini e ragazzi, oltre a quella per adulti.

Ci trovate in Via Capoluogo 7, presso l'edificio delle scuole medie, dietro al Comune.
I nostri orari sono: Lunedì 9.30-13.30 14.30-16.30; martedì e gioveri 9.30-13.30, venerdi 16-18, sabato 9-13.

Marina (bibliotecaria)

 

Risposta di lorella aviano 14:55 - 14/02/10

Ringrazio Marina per la sua segnalazione, verrò a Solignano appena posso, una visita alla biblioteca non si può rifiutare, a maggior ragione se con invito: mi 
farà piacere incontrarti. Ho notato che mi ero persa gli ultimi post: l'idea del bibliobus credo sia buona e da sviluppare, soprattutto come dice Cristina perchè 
permetterebbe di accomunare le risorse e allargare la fruizione ad un maggiore numero di persone.

Confesso di non averne mai visitato uno ma so che anche a Milano esiste un sistema di bibliobus che a rotazione nei giorni della settimana si sposta, proverò a farci un salto per vedere come è organizzato e vi farò sapere.Magari diventa anche una bella iniziativa per avvicinare i bambini/ragazzi ai libri (oltre che poter portare i libri a domicilio) 
Ecco il link del bibliobus Valdarno di cui parlava Cristina .. l'iniziativa è davvero simpatica!

http://www.arcivaldarno.net/bibliobus.php

 .
 
Questo è invece un esempio in provincia di Asti:

http://www.bibliotecastense.it/bibliobus.php?mese=febbraio&anno=2010 .

ma ce ne sono molti altri.
Dato che l'idea mi sembra buona ma non si può pretendere che le amministrazioni locali riescano ad accordarsi e ad attivarsi in tempi brevissimi, e anche perchè mi sembra giusto  contribuire se si può (o perlomeno provarci..) ho intenzione di creare una bibliote-car utilizzando la mia automobile e la mia 
biblioteca personale per il momento.
Apro un apposito argomento per presentare meglio quest'idea "di carnevale" :)


Sulla biblioteca di Bedonia, intendo i libri in Peschiera, ci sono novità? (la sede mi sembra molto accogliente: complimenti a chi ci ha lavorato!) Gigi, puoi dirci se sei riuscito a organizzare l'incontro in Seminario?

 
Risposta di Alberto Chiappari 11:28 - 10/04/10

Che fine a fatto il progetto della biblioteca? Ci sono stati incontri che non conosco? Io mantengo la mia disponibilità a collaborare ma faccio presente che dal primo intevento di Marco sono passati quattro mesi...

Qualcuno mi faccia sapere... 

Risposta di marco belli 20:59 - 19/04/10

Nessuna novità ?

 
Risposta di Gigi Cavalli 12:39 - 20/05/10

Ieri sera c'è stato il primo incontro con l'Amministrazione comunale sulla fattibilità o meno di realizzare uno spazio dedicato ai libri.

All'incontro erano presenti, oltre al sottoscritto e Alberto Chiappari, i due Assessori Gianpaolo Serpagli e Mariapia Cattaneo.

Le premesse sono state buone e si è vista la volonta di colmare questa mancanza.

Si è anche parlato della fondazione di un'eventuale associazione o circolo per promuovere la lettura ed eventuali manifestazioni legate ai libri e a suoi autori. Chi nel frattempo volesse farsi avanti per aderire al progetto è ben accetto.

Abbiamo già fissato un secondo incontro nelle prossime settimane e vi terremo informati sull'andamento dell'iniziativa.

 

Risposta di Camila di Montarsiccio 13:03 - 20/05/10

Aderisco volentieri. E' un tema che mi interessa. Tienimi informata per cortesia.

Risposta di lorella aviano 18:21 - 20/05/10

Anch'io aderisco naturalmente. Mi scuso ma per mancanza di tempo (stò seguendo a scuola le attività culturali che culminano proprio in questo periodo: settimana della lettura, salone del libro) - avrei da scrivere anche sul lupo (ho qui un articolo che a me pare interessante recuperato proprio ad una conferenza del Salone del Libro di Torino domenica scorsa..) attualmente purtroppo non riesco a stare dietro al forum. Però .. qualche giorno fa la Polizia ha ritrovato la mia macchina!! Quindi sono di nuovo motorizzata e molto disponibile all'iniziativa di diffusione della lettura. Per favore Gigi, davvero tienici informati, con qualche giorno di anticipo se riesci, sui prossimi incontri .. io vorrei davvero esserci!  (scusate se sono andata un pò OT ...)

Risposta di Camila 19:05 - 27/02/11

A che punto siamo con la biblioteca?

Io ho un po' di libri che vorrei regalare ad una biblioteca in modo che altri li possano leggere. Inoltre in questo momento di - spero temporanea- disoccupazione ho del tempo per collaborare in ogni modo all'organizzazione della biblioteca: catalogando, inserendo dati o pulendo mensole...

Chi devo contattare?

:o)

 
Risposta di Alberto Chiappari 10:03 - 18/06/11

Alcuni giorni fa io e Gigi abbiamo avuto un incontro con gli assessori Serpagli e Cattaneo per riprendere il filo del discorso bibilioteca. Ci siamo trovati nell'ufficio turistico ristrutturato, ufficio che potrebbe diventare il "front-office" della biblioteca. L'unica decisione che è stata presa è quella di convocare un incontro con tutti gli interessati all'iniziativa. Se non ricordo male (Gigi o Gianpaolo mi possono correggere) avremmo fissato l'incontro per venerdì 15 luglio in comune.

Vi daremo conferma della data e dell'orario, nel frattempo diffondete la notizia.

 

Alberto

Risposta di Mattia Lezoli 15:45 - 18/06/11

Ottima notizia!!!!! Speriamo vada in porto!!!

Risposta di Gianpaolo Serpagli 21:15 - 11/07/11

Ricordo agli interessati che VENERDI' ALLE ORE 21 PRESSO LA SALA CONSILIARE si terrà una riunione per riprendere il filo del discorso sulla biblioteca comunale. 

Raccomando la partecipazione...

 
Risposta di Gigi Cavalli 18:57 - 18/07/11

Venerdì scorso c'è stato l'incontro... erano presenti, oltre al sottoscritto, Gianpaolo Serpagli, Maria Pia Cattaneo, Alberto Chiappari, Lorella Aviano, Camila Parada e Mattia Lezoli

Praticamente si è deciso di portare avanto il discorso legato alla costituzione di un "Circolo di Lettura" autonomo; di catalogare i testi già disponibili con un sistema informatico compatibile con le altre biblioteche on-line; di usufruire dell'ufficio turistico come "front office" e di mantenere comunque operativa la sede presso la Peschiera.

Tra due settimane circa ci ritroveremo, a breve comunicheremo giorno, luogo e ora dell'incontro.

 
Risposta di Gigi Cavalli 12:58 - 04/10/11

Ieri sera abbiamo fatto un ulteriore incontro in Municipio, oltre a me, erano presenti Lorella Aviano, Camila Parada, Alberto Chiappari e Gianpaolo Serpagli.
Il progetto sta prendendo forma. Camila nei prossimi giorni inizierà a valutare i libri che potranno essere utilizzati e mettere da parte quelli superati (testi scolastici, ecc...).
Si procederà poi alla catalogazione dei testi superstiti, dopodichè vi aggiorneremo su i prossimi passi... il cammino è ancora lungo, ma non infinito. 

Risposta di Camila 23:00 - 04/10/11

Nel frattempo voi potete cominciare a mettere da parte qualche libro da donare. Ma non dateci i libri che sono da buttar via, quelli portateli al bidone della carta da riciclare.

Sarebbe bello se ogni famiglia, se ognuno di noi, pensasse ad un libro o più libri, così belli, che avrebbe piacere che anche altri potessero leggerli. Sarebbe bello riuscire a condividere le emozioni che ci hanno regalato i libri. Io metterò a disposizione il libro "Il cacciatore di aquiloni". Voi?

Mentre sistemiamo i locali e gli archivi voi pensate al libro che vi piacerebbe condividere. Poi vi aggiorneremo per incontrarci.

Risposta di lorella aviano 17:30 - 05/10/11

Bellissima idea Camila! Io metto a disposizione "La manomissione delle parole" e "Ad occhi chiusi" di Gianrico Carofiglio :)

 
Risposta di Gigi Cavalli 23:06 - 22/11/11

Questa sera ci siamo nuovamente riuniti presso il Municipio. Oltre a me erano presenti Alberto Chiappari, Camila Parada, Gianpaolo Serpagli e Lorella Aviano (in videoconferenza).
Devo dire che il progetto si sta sempre più concretizzando. Questa sera abbiamo redatto la bozza dello statuto e dell'atto costitutivo di quello che diverrà il "Circolo di lettura".
Dal prossimo incontro, che sarà preventivamente comunicato, si potrà dare la propria disponibilità a far parte del "Circolo" in veste di socio.
Chi fosse interessato a ricevere la bozza dello statuto o a partecipare al prossimo incontro (prima di natale) può comunicarlo inviandomi una mail: gigicavalli@gmail.com

 

 
Risposta di Gigi Cavalli 17:21 - 09/01/12

Martedì 3 Gennaio c'è stato un ulteriore incontro, erano presenti, oltre a me, Camila Parada, Lorella Aviano, Gianpaolo Serpagli e Alberto Chiappari.
Nel corso della serata abbiamo deciso a chi intitolare la futura biblioteca, il nome prescelto è stato "Primo Lagasi", illustre cittadino bedoniese, autore di diverse pubblicazioni, tra cui "Il mio paese".
E' stato abbozzato inoltre lo Statuto e l'Atto Costitutivo di quello che sarà il "Circolo di lettura Primo Lagasi".
Per chi fosse interessato ad aderire o per ottenere ulteriori informazioni allego le bozze dei due documenti.
Il prossimo passo sarà quello di registrare a norma di legge il costituendo Circolo e sarà effettuata l'elezione del Presidente e dei Consiglieri, di cui sarà dato preventivo avviso.

Risposta di Claudio Agazzi 21:02 - 09/01/12

Un grande BRAVO a tutti voi.

Claudio Agazzi

Risposta di Liliana 12:23 - 19/04/12

Biblioteca ma non solo!
Ce ne sono moltissime ma l'ultima che ho visto a "sereno variabile" è a Tarquinia e ha una formula bellissima secondo me.

Ecco il link (è nella seconda parte della puntata - Si chiama Libreria La vita nova)

http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-6aacb7f6-b864-44bc-b3c6-c018913e324f.html#p=0 .

 
Risposta di Liliana 13:45 - 27/03/12

Grandissima idea! Ci vuole assolutamente per prendere in prestito libri ma anche per leggere libri sul posto (soprattutto i bambini), leggere i giornali, accedere a internet da un internet point, usufruire di un hotspot per i proprio portatile, incontrarsi in un posto diverso dal solito bar, ecc...
La aspetto da anni! Quando siete pronti mettete un manifesto in piazza e io vi porto tanti libri (anche se tantissimi li ho già regalati)! AUGURI.

 
Risposta di Gigi Cavalli 19:22 - 25/07/12

Alla fine ce l’abbiamo fatta. Finalmente Bedonia avrà la sua biblioteca e il Circolo di lettura. Tutto era partito un paio di anni fa, da un argomento di Forum Valtaro, dove Marco rimarcava l’assenza di una vera biblioteca pubblica.
A dire la verità una parvenza di raccolta di libri ci sarebbe anche stata (circa 2000), solo che nei decenni è stata totalmente ignorata, con il risultato di essere ormai obsoleta.

In questi due anni però non ci siamo persi d’animo, ci siamo ritrovati alla sera per molte volte, ognuno con le sue idee e le proprie esperienze, da lì si è poi consolidata la disponibilità del Comune a darci in carico la gestione degli attuali libri in modo di fare una selezione valida al nobile scopo, nel frattempo ci è stata offerta la fruibilità dei locali per organizzare la biblioteca vera e propria (Ufficio Turistico e una stanza del Centro Civico Peschiera), fino ad arrivare a oggi con la fondazione del “Circolo di Lettura Primo Lagasi”.
Il nome è ricaduto sul Senatore Lagasi per due motivi, prima di tutto per essere stato uno stimato cittadino bedoniese e per il merito di aver lasciato una preziosa testimonianza con il suo libro: “Il mio Paese”.



Ora ci ritroviamo già con una decina di soci, tutti attivi e volenterosi di vedere realizzata quella che era considerata, ormai da troppo tempo, una vera e propria chimera.

La prima iniziativa che ci sentiamo di lanciare è quella di coinvolgere tutta la cittadinanza con la proposta: “Regalati un libro”, pertanto ci sarà la possibilità di donare dei libri, nuovi o usati, e iniziare così ad arricchire e modernizzare quella che diventerà la biblioteca del paese, quindi la biblioteca di noi tutti. Vi invitiamo inoltre a personalizzare il libro donato apponendo la propria firma e un’eventuale dedica ai futuri lettori.

Ne approfitto per ringraziare le persone che fino ad ora hanno reso possibile lo sviluppo di questo progetto con un atteggiamento responsabile e gratuito: Alberto Chiappari (Presidente), Camila Parada, Lorella Aviano, Stefania Marchini, Fabiola Bellomi, Margherita Caramatti, Maria Pia Cattaneo, Gian Paolo Serpagli, in particolare il Dott. Giuseppe Esposito per aver contribuito a realizzare l’angolo di lettura dedicato ai bambini e denominato "Nati per leggere", i ragazzi dell’Ufficio Turistico per la disponibilità offerta e il gentilissimo Claudio Agazzi con la società Layout Advertising per aver realizzato e donato il logo del Circolo.

L’Ufficio Turistico in Via Garibaldi è a disposizione per altri dettagli o per accogliere le vostre donazioni.

 
Risposta di Circolo di lettura Primo Lagasi 17:17 - 26/07/12

Sabato prossimo alle ore 18 presso l’ufficio turistico in via Garibaldi, verrà inaugurato il punto di lettura “Nati per leggere” di Bedonia.
Il punto offrirà ai bambini la possibilità di leggere libri, colorare, giocare.

E’ la prima uscita pubblica del neonato Circolo di lettura “Primo Lagasi” che si pone l’obiettivo di riaprire la biblioteca di Bedonia, fare pubbliche letture , presentare libri e diffondere la cultura del libro in tutte le modalità possibili.

La nascita del punto di lettura “Nati per leggere “ è stato possibile per l’impegno e la generosità del pediatra Giuseppe Esposito e per la collaborazione e disponibilità del Comune di Bedonia.

Segnaliamo inoltre che ogni mercoledì del mese di agosto presso il punto di lettura, tutti i bambini potranno ascoltare la lettura di fiabe, storie e filastrocche fatta da Lorella Aviano.

Alberto Chiappari

 
Risposta di Circolo Primo Lagasi 13:59 - 01/08/12

Sabato scorso è stato inaugurato il punto di lettura di Nati Per Leggere a Bedonia. Il punto di lettura nasce dal generoso entusiasmo del Dott. Esposito, Pediatra a Bedonia, la collaborazione, sempre opportuna e agile, dell'Assessorato alla Cultura e dell'Ufficio Turistico di Bedonia e dal lavoro dei volontari del nuovo Circolo di Lettura Primo Lagasi.
Ci sono già un centinaio di titoli selezionati per ragazzi e bambini. Il punto è aperto negli orari di apertura dell'Ufficio Turistico. I genitori che desiderano portare i loro figli al Punto di Lettura hanno un'ottima occasione per farlo mercoledì alle 17.30 per il secondo incontro di lettura di fiabe di Lorella Aviano.
Con l'inaugurazione è stata aperta la campagna REGALATI UN LIBRO che vuole sensibilizzare le persone sull'importanza della diffusione della lettura Per questo scopo il Circolo invita a donare libri per rigenerare lo spirito, e gli scaffali, della vecchia biblioteca comunale.
Il Circolo di Lettura Primo Lagasi si occuperà della classificazione e tenuta dei libri nonchè di iniziative legate alla cultura che possano stimolare i Bedoniesi alla lettura.

 
Risposta di Gigi Cavalli 21:35 - 10/09/12

E' partita la prima iniziativa della biblioteca comunale ed è quella di coinvolgere la cittadinanza con la proposta: “Regalati un libro”, pertanto avrai la possibilità di donare dei libri, nuovi o usati, e iniziare così ad arricchire e modernizzare quella che diventerà la biblioteca del paese, quindi la TUA biblioteca.
Ti invitiamo inoltre a personalizzare il libro donato apponendo la propria firma e un’eventuale dedica ai futuri lettori.

Guarda la locadina, stampala e appendila nel tuo ufficio, più diffondiamo il messaggio e più soddisfazioni si avranno.

Risposta di Lorella Aviano 19:02 - 11/09/12

Grazie Gigi! Pubblico subito la locandina anche sulla pagina fb della "biblioteca Bedonia ragazzi"

 
Risposta di Gigi Cavalli 13:44 - 05/10/12

Volevo ringraziare a nome dei soci del Circolo Primo Lagasi e a nome della cittadinanza bedoniese, l'Associazione Ricerche Storiche Valtaresi A. Emmanueli, nelle persone di Giacomo Bernardi e Massimo Beccarelli, per aver donato tutte le loro pubblicazioni (una ventina di volumi) alla nostra biblioteca.
Grazie di cuore!

Risposta di Claudio M. 18:15 - 08/10/12

Bravisimi Giacomo e Massimo. Grazie di cuore.
Peccato che sabato scorso non ho potuto presenziare alla "Nascita " del nuovo libro di Giacomo Bernardi e di Mario Previ (i due infaticabili), al Borgo.
Gli amici Mauro e Mario R. mi dicono che è bellissimo.
E se l'ultimo nato non è tra i libri donati dal meritorio Emanueli, sara' mia cura allungarlo .. al "Lagasi".
Claudio M.

Risposta di Circolo di lettura Primo lagasi 10:27 - 27/10/12

La lista delle persone e degli enti da ringraziare si allunga ogni giorno... volevamo comunicare che alcuni giorni fa la biblioteca di Collecchio ci ha regalato circa 800 libri (ottocento!) che per ragioni di spazio o perché già in loro possesso, non potevano più tenere. La biblioteca di Collecchio è una stupenda struttura posta all'interno del palazzo del Parco Nevicati ed è veramente un esempio da seguire.
Altre sorprese ci saranno nei prossimi giorni.
E' bello che le biblioteche del territorio, come dice Camila, ci abbiano preso per la loro sorellina minore da aiutare a crescere.

Risposta di Lorella Aviano 12:41 - 28/10/12

Aggiungo alla lista di chi dobbiamo ringraziare anche la Biblioteca di Solignano, lo scrivente Circolo sicuramente solo per un refuso si è dimenticato di citarla, che ci ha indicato alla biblioteca di Collecchio per questa donazione e che, essa stessa, ha pronta una donazione.

Risposta di Circolo di lettura Primo Lagasi 17:57 - 08/01/13

Con l’inizio dell’anno penso sia giusto fare il punto della situazione sul cammino che ha fatto l’idea della riapertura di una biblioteca pubblica a Bedonia.
A partire dalle iniziali e-mail giunte a questo forum, si è passati ai primi incontri e alle prime visite al Centro civico Peschiera. E’ risultata subito chiara la necessità di un comitato indipendente che potesse curare la rinascita della biblioteca. Nel marzo scorso è nato perciò il “Circolo di lettura Primo Lagasi” registrato formalmente il 21 settembre. Nel frattempo si sono presi contatti con la Provincia di Parma che cura il Sistema bibliotecario provinciale.
Alla fine di luglio abbiamo inaugurato un punto di lettura per bambini presso l’ufficio turistico in collaborazione con il dottor. Giuseppe Esposito che ha regalato anche gli allestimenti. Nel mese di agosto, con cadenza settimanale, si è così potuto offrire ai più piccoli una serie di letture scelte e proposte da Lorella Aviano.

Il cinque ottobre è stata poi firmata la convenzione fra Circolo e Comune di Bedonia per la gestione della biblioteca, convenzione che assegna al circolo anche un cospicuo finanziamento annuale. A partire da questo periodo la nostra bibliotecaria volontaria, Camila, ha partecipato al corso per la gestione del programma informatico di catalogazione (Sebina) ed ha iniziato il complesso iter per aprire formalmente la biblioteca, iter che avrà una prima conclusione in questi giorni con la possibilità concreta di iniziare ad inserire i nostri volumi nel sistema provinciale.

Con la fine dell’estate è anche partita l’iniziativa “Regalati un libro” che ha portato alla biblioteca decine e decine di interessanti volumi. Contemporaneamente alcune biblioteche, fra cui quelle di Collecchio e Solignano, ci hanno regalato altri numerosissimi volumi.
La speranza è di poter aprire alla fruizione la biblioteca nella prima metà dell’anno mentre in questi giorni lanceremo l’adesione al Circolo per l’anno 2013.

A questo punto occorre fare i dovuti ringraziamenti: innanzitutto al comune di Bedonia per il sostegno (anche economico) assicurato e per essere parte integrante del progetto; alla provincia di Parma e all’università di Parma nelle persone della professoressa Guberti e delle dottoresse Ghirardi e Gatti per l’inserimento della “nostra” nel sistema bibliotecario provinciale; alla biblioteche di Collecchio, nella persona di Paolo Fragni, alla biblioteca di Solignano, nella persona di Marina Nullotti, alla biblioteca e alla Coop Ecopolis di Rogoredo (Mi), per i libri donati e la collaborazione attiva; a Marina Nullotti ed Elisa Delgrosso della biblioteca “Manara” di Borgotaro, per la disponibiltà alla consulenza nella catalogazione; a Claudio Agazzi e al Layout advertising group per il dono del logo del Circolo; al dottor Giuseppe Esposito per la collaborazione sul tema delle letture per i bambini, il progetto “Nati per leggere “ (che avrà ulteriori sviluppi) e per il suo interessamento come membro del Lyons club; al Lyons Club di Borgotaro per il dono del computer della biblioteca (seguirà adeguata inaugurazione); all’associazione “Emanueli” di Borgotaro per l’intera raccolta delle proprie pubblicazioni; al WWF di Parma, nelle persone di Umberto Sani e Guido Sardella, per il dono di uno stupendo volume sulla biodiversità parmense; a tutte le persone che a qualsiasi titolo hanno voluto regalarci i propri libri corredati spesso di significative dediche che ci hanno fatto veramente piacere.

Spero di non essermi dimenticato nessuno e se l’ho fatto mi scuserete perché sono veramente tanti coloro che hanno collaborato con noi. Ci tengo però, infine, a ringraziare a nome di tutto il Circolo la nostra Camila Parada che con il suo entusiasmo e la sua costanza ci hanno reso possibile arrivare fin qui.

Alberto ChiappariCon l’inizio dell’anno penso sia giusto fare il punto della situazione sul cammino che ha fatto l’idea della riapertura di una biblioteca pubblica a Bedonia.
A partire dalle iniziali e-mail giunte a questo forum, si è passati ai primi incontri e alle prime visite al Centro civico Peschiera. E’ risultata subito chiara la necessità di un comitato indipendente che potesse curare la rinascita della biblioteca. Nel marzo scorso è nato perciò il “Circolo di lettura Primo Lagasi” registrato formalmente il 21 settembre. Nel frattempo si sono presi contatti con la Provincia di Parma che cura il Sistema bibliotecario provinciale.
Alla fine di luglio abbiamo inaugurato un punto di lettura per bambini presso l’ufficio turistico in collaborazione con il dottor. Giuseppe Esposito che ha regalato anche gli allestimenti. Nel mese di agosto, con cadenza settimanale, si è così potuto offrire ai più piccoli una serie di letture scelte e proposte da Lorella Aviano.

Il cinque ottobre è stata poi firmata la convenzione fra Circolo e Comune di Bedonia per la gestione della biblioteca, convenzione che assegna al circolo anche un cospicuo finanziamento annuale. A partire da questo periodo la nostra bibliotecaria volontaria, Camila, ha partecipato al corso per la gestione del programma informatico di catalogazione (Sebina) ed ha iniziato il complesso iter per aprire formalmente la biblioteca, iter che avrà una prima conclusione in questi giorni con la possibilità concreta di iniziare ad inserire i nostri volumi nel sistema provinciale.

Con la fine dell’estate è anche partita l’iniziativa “Regalati un libro” che ha portato alla biblioteca decine e decine di interessanti volumi. Contemporaneamente alcune biblioteche, fra cui quelle di Collecchio e Solignano, ci hanno regalato altri numerosissimi volumi.
La speranza è di poter aprire alla fruizione la biblioteca nella prima metà dell’anno mentre in questi giorni lanceremo l’adesione al Circolo per l’anno 2013.

A questo punto occorre fare i dovuti ringraziamenti: innanzitutto al comune di Bedonia per il sostegno (anche economico) assicurato e per essere parte integrante del progetto; alla provincia di Parma e all’università di Parma nelle persone della professoressa Guberti e delle dottoresse Ghirardi e Gatti per l’inserimento della “nostra” nel sistema bibliotecario provinciale; alla biblioteche di Collecchio, nella persona di Paolo Fragni, alla biblioteca di Solignano, nella persona di Marina Nullotti, alla biblioteca e alla Coop Ecopolis di Rogoredo (Mi), per i libri donati e la collaborazione attiva; a Marina Nullotti ed Elisa Delgrosso della biblioteca “Manara” di Borgotaro, per la disponibiltà alla consulenza nella catalogazione; a Claudio Agazzi e al Layout advertising group per il dono del logo del Circolo; al dottor Giuseppe Esposito per la collaborazione sul tema delle letture per i bambini, il progetto “Nati per leggere “ (che avrà ulteriori sviluppi) e per il suo interessamento come membro del Lyons club; al Lyons Club di Borgotaro per il dono del computer della biblioteca (seguirà adeguata inaugurazione); all’associazione “Emanueli” di Borgotaro per l’intera raccolta delle proprie pubblicazioni; al WWF di Parma, nelle persone di Umberto Sani e Guido Sardella, per il dono di uno stupendo volume sulla biodiversità parmense; a tutte le persone che a qualsiasi titolo hanno voluto regalarci i propri libri corredati spesso di significative dediche che ci hanno fatto veramente piacere.

Spero di non essermi dimenticato nessuno e se l’ho fatto mi scuserete perché sono veramente tanti coloro che hanno collaborato con noi. Ci tengo però, infine, a ringraziare a nome di tutto il Circolo la nostra Camila Parada che con il suo entusiasmo e la sua costanza ci hanno reso possibile arrivare fin qui.

Alberto Chiappari

 
Risposta di Alberto Chiappari 11:31 - 21/05/13

Cari amici,

vi invito all'assemblea del circolo "Primo Lagasi". Chi non fosse già iscritto lo può fare prima dell'incontro.

Oggetto: convocazione assemblea ordinaria

A norma dello statuto del Circolo di lettura “Primo Lagasi”, il giorno 24 maggio 2013 alle ore 23.30 in prima convocazione e il giorno 25 maggio 2013 alle ore 17.30 presso il Centro civico Peschiera

è convocata l’Assemblea annuale

con il seguente ordine del giorno
- Relazione del Presidente;
- Approvazione bilancio consuntivo;
- Approvazione bilancio preventivo;
- Programma attività 2013;
- Varie ed eventuali

Il presidente
(Alberto Chiappari)

 
Risposta di Daniele 23:27 - 24/06/13

Ebbene ce l'avete fatta BRAVI

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2017